Sud Italia: auto vecchie, pericolose ed inquinanti

I dati rilasciati dall’UNRAE, Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, descrivono una situazione drammatica nel Sud Italia: la Campania è la regione con la percentuale di auto vecchie ante Euro 3 più alta dove, su un parco circolante di 3.386.389 ben 1.322.457 hanno 17 anni o più,  pari a una percentuale del 39,1%.  Seguono nella Worst 10 regioni: 

RegioneParcoPeso su

 Tot. Italia

Ante Euro 3% ante Euro 3
Campania3.386.3898,9%1.322.45739,1%
Calabria1.238.3363,3%474.97738,4%
Sicilia3.209.3478,5%1.183.31836,9%
Basilicata365.6481,0%128.52235,1%
Molise207.1670,5%69.57533,6%
Puglia2.291.3986,0%742.18632,4%
Sardegna1.023.4622,7%282.15827,6%
Abruzzo858.1962,3%236.14127,5%
Umbria623.5161,6%165.76326,6%
Lazio3.732.4499,9%946.03525,3%

L’analisi combinata condotta invece tra le province a più alto parco circolante, e maggiore quota di auto vecchie ante Euro 3, mostra la seguente classifica:

ProvinciaParco circolante ante Euro 3% ante Euro 3
Napoli727.29141,7%
Catania318.57541,0%
Salerno245.82737,3%
Palermo243.10133,0%
Caserta197.15236,4%
Bari195.31628,4%
Cosenza180.02238,7%
Lecce157.67931,8%
Messina148.80936,7%
Reggio Calabria137.68639,7%

 

Un dato allarmante, che si traduce in un parco circolante costituito da rottami inquinanti e pericolosi per guidatori, passeggeri e pedoni che, al momento, si può provare ad arginare in pochi modi, tra questi, senza dubbio il ricorso ad una campagna di incentivi per l’acquisto di auto alimentate a metano,  perfetto compromesso tra costi di gestione, infrastrutture e costo di acquisto o di trasformazione dell’auto. Impossibile, ad oggi, puntare su un parco auto composto da mezzi elettrici per l’assenza quasi totale di infrastrutture di ricarica e di piani concreti di realizzazione, in atto, nelle regioni del Sud.

Sotto il profilo delle emissioni, i motori a gas naturale sono più ecologici dei Diesel Euro VI. Il gas naturale, è un combustibile pulito che consente di ridurre al minimo le emissioni di particolato  (-95% rispetto al Diesel) e di NOx (-35%). Inoltre, l’utilizzo di questi veicoli permette di ridurre le emissioni veicolari di CO2 dal 10% fino al 100% (Well-To-Wheel) in caso di utilizzo di bio-metano. Infine, la riduzione del rumore, in media di 5 decibel, rispetto alle versioni Diesel, rende i veicoli ideali per le attività urbane.

In generale, il parco circolante italiano è pessimo: grande e vecchio, con un’età media 10,5 anni.

L’analisi sul parco circolante (fonte ACI), condotta dal Centro Studi e Statistiche UNRAE, evidenzia che su un parco totale di 37.843.983, il circolante ante Euro 3 (vetture immatricolate prima del 01.01.2001, quindi con oltre 17 anni di vita) conta 9.567.000 vetture, pari al 25,3% del totale circolante.

"Auto vecchia" Ph. Sergio Lanfranchi
“Auto vecchia” Ph. Sergio Lanfranchi

Sergio Lanfranchi

Rispondi